Startup Week End, l’occasione per formare team e start up

 Startup WeekendKaufman Fondation e Google sono promotori del format Startup Weekend, un evento che si sviluppa in tante edizioni quante sono le città del mondo interessate ad ospitarlo. Invitiamo chiunque abbia un’idea imprenditoriale e aspiranti imprenditori a consultare il sito: http://www.startupweekend.org.

Si tratta di una competizione di tre giornate, 54 ore complessive di lavoro in cui costituendi team elaborano delle idee e le sviluppano per simulare un sistema di impresa innovativa, legata all’utilizzo delle nuove tecnologieIn genere, un team è composto di tre profili in base alle competenze: tecnical, non tecnical e designer. Nella prima giornata si presentano le idee e ognuno degli iscritti ha 60 secondi di tempo per descriverla.

Le migliori idee vengono votate e quelle che ricevono più voti vengono messe a graduatoria. Intorno ad ogni idea si costituisce un team che  quindi è composto da chi l’ha votata e la ritengono interessante. Ogni team può essere costituito di una decina di persone, o anche più.

La seconda e la terza giornata sono una corsa contro il tempo da parte di ciascun gruppo di lavoro per lavorare meglio la startup, dalla semplice idea sino al progetto di impresa vero e proprio che si vuol mettere in piedi. Ognuno mette in campo le proprie competenze e intuizioni di tipo tecnico e creativo per produrre il miglior business plan, il piano di marketing ideale, individuare la clientela potenziale, affrontare la concorrenza e così via.

Immagine anteprima YouTube

Questo ritmo viene scandito dal supporto di coach che su richiesta di ogni team sono disponibili per colmare eventuali incertezze o lacune, ad orientare e formare in base alle necessità e alle proprie specializzazioni: business development, legale, finanziario, normativo, assicurativo ecc.

Il programma delle tre giornate in genere prevede anche l’intervento di relatori d’eccezione che in genere sono imprenditori di successo, personalità del mondo del business e della finanza con forti skills in grado di fornire modelli di riferimento e consigli su come muoversi al meglio per evitare i rischi del fallimento.

Il team vincitore è quello che riceve il feed back positivo della giuria di esperti nella valutazione finale. L’idea di startup deve convincere e non solo per la fattibilità ma anche per i vantaggi che apporta, per i bisogni che soddisfa, per la semplicità di sviluppo e utilizzo del bene/servizio che produce. Un aspetto molto interessante legato alla candidatura di un’idea di startup è che il team deve anche saperla presentare con un linguaggio semplice e allo stesso momento brillante. Quindi è consigliabile che il relatore sia una persona estroversa e con doti comunicative.

Tuffarsi in uno Startup Weekend potrebbe rappresentare un’ottima occasione per mettersi in gioco, in modo particolare per coloro che hanno dinamismo, voglia di allargare le proprie conoscenze, non solo tecniche, ma soprattutto umane, e sottoporre all’attenzione del pubblico e dei media le proprie idee.

Partecipare ad uno Startup Weekend è semplice, è sufficiente collegarsi al sito che la città organizzatrice più vicina allestisce per l’appuntamento e iscriversi tramite Eventbrite fornendo le proprie generalità. In genere la fee di ingresso è irrisoria, mediamente tra i 40 e i 50 Euro.

E’ un ‘ottima occasione per mettersi in gioco e ricevere anche l’attenzione di investitori, ventur capitalist, che in genere frequentano occasioni come questa. Chi non vince alcun premio ha comunque guadagnato un vantaggio su tanti altri che risiede in:

a) conoscenza di decine di persone potenzialmente interessanti sul piano dell’imprenditorialità;
b) apprendimento di dati e procedure sullo sviluppo di un’idea imprenditoriale;
c) l’opportunità di lavorare anche dopo il week end sulla propria idea con le persone che ha conosciuto.

Si consideri che il 20% dei partecipanti ad uno Startup Week End continua a frequentarsi anche dopo l’evento e a sviluppare le proprie idee, operazione che risulterebbe ben difficile da concepire e gestire.

Share


Giornalista, esperto in comunicazione, formatore HR - fondatore ed editore di yourenterprise.net

Condividi questo articolo

Articoli Recenti

Leave a Reply

© 2017 Mario Massarotti – Blog. All rights reserved. Site Admin · Entries RSS · Comments RSS
Powered by WordPress · Designed by Theme Junkie