Presentazione del progetto: Your Enterprise

giovani-occupazioneYour Enterprise è un blog indirizzato ai giovani e a quanti intendono mettermi in gioco con una propria attività imprenditoriale, che intendano attuare obiettivi personali e di realizzazione professionale. La finalità è quella di informare, formare e orientare il pubblico, compresi coloro che si rimettono in gioco sul mercato del lavoro con una iniziativa autonoma, che coincide idealmente con la riconquista della libertà personale ed economica.

I giovani dopo la scuola trovano molta difficoltà ad integrarsi nel mondo del lavoro e oggi le statistiche parlano chiaro: il tasso di disoccupazione colpisce particolarmente i teen agers (15 – 18 anni) e i giovani entro i 24 anni. La maggiore caduta occupazionale registrata negli ultimi anni interessa maggiormente i settori “costruzione” e “servizi alle imprese” e riguarda non solo i giovanissimi ma anche gli under 35, che devono rimettersi in gioco magari dopo aver perso il proprio posto di lavoro. La disoccupazione giovanile è un fenomeno vecchio, che informava di sé già negli anni ’70 anche se il calo più significativo si è avuto a partire dagli anni ’90.

Il tasso di partecipazione alla forza lavoro diminuisce negli anni anche per effetto dell’aumento della scolarizzazione, che interessa in particolare i ragazzi tra i 15 e i 19 anni di età. La stessa ragione può spiegare la diminuzione del tasso per la popolazione in età universitaria (20-24 anni). Ma un conto è parlare di partecipazione al lavoro un conto è definire il problema della mancanza di occupazione. Infatti benché negli anni sia aumentata la scolarizzazione c’è da sottolineare che non sempre essa rappresenta un motivo di inserimento nel mondo del lavoro secondo le aspettative dei giovani.

Su questo fenomeno ci sarebbe molto da discutere e secondo gli analisti vi sono due fattori principali che determinano l’alto tasso di disoccupazione tra i ragazzi scolarizzati e anche tra coloro che ragazzi non sono più ma che non hanno neppure un diploma.

Una causa è riconducibile ad una mutazione antropologica legata a modelli che mostrano immagini distorte del lavoro, della carriera e del successo. Da essa discende una nuova scala di valori che confonde tempo libero e vita lavorativa, tempo per sé e tempo per l’impegno. In pratica si è sempre meno disposti a sacrificarsi in nome di un non ben identificabile tenore di vita. Il problema principale è però legato alla mancanza di un “ordinamento formativo” che permetterebbe di creare il giusto passaggio tra il periodo scolastico e quello lavorativo, parallelamente però si registra una sorta di sfiducia anche verso l’orientamento, che a sua volta risente del mancato monitoraggio e censimento dei fabbisogni professionali.

Fate un pò voi. Poniamoci le giuste domande, ragazzi. “Cosa voglio fare della mia vita?” E’ una delle tante che forse la scuola non ha saputo neppure insegnare, ma a noi piace preimpostare il vostro destino partendo da questa semplice curiosità, che implica il cominciare a riflettere su risposte mirate e obiettive e quindi sui tasselli con i quali intendete costruire il vostro futuro.

Noi di Your Enterprise siamo convinti che i giovani sono i principali artefici del destino di questa nostra nazione, è una questione di atteggiamento mentale, appunto. E il loro successo poggia sulla capacità di inventarsi o di reinventarsi, se non ancora hanno vissuto questa esperienza. Insieme ci si può scommettere!

Buona informazione con il nostro sito. E… applicate!

Share


Giornalista, esperto in comunicazione, formatore HR - fondatore ed editore di yourenterprise.net

Condividi questo articolo

Articoli Correlati

Leave a Reply

© 2017 Mario Massarotti – Blog. All rights reserved. Site Admin · Entries RSS · Comments RSS
Powered by WordPress · Designed by Theme Junkie