Crescere come imprenditore, le 10 competenze essenziali

Crescere come imprenditore

Crescere come imprenditori implica personalità, costanza e propensione verso il prossimo

Crescere come imprenditore, quali azioni compiere? In molti non si pongono questa domanda ma abusano di una risposta non sempre vera e cioè che lo status di leader di un’azienda di successo si raggiunga con la fortuna, le circostanze e un’idea azzeccata.

Al condottiero di un’organizzazione di business è richiesta innanzitutto una condizione mentale diversa dalla media delle persone. Se ti trovi già lì, prima ancora che nel favore delle condizioni economiche, potrai non aver bisogno dei consigli di questo articolo!

Già perché, soprattutto nello stato nascente dell’impresa, il lavoro che occorre svolgere è tutt’altro che confortevole, anzi. Proprio perché sei indotto a compiere scelte difficili, ad eseguire operazioni stressanti e a dover agire con molta intelligenza, ti distingui dalla massa e ti dirigi verso la reale e proficua produttività.

Personalmente sono un attento osservatore delle condizioni di efficienza personale che sono proprie di quelle persone attente a generare risultati partendo proprio da una buona predisposizione mentale e fisica. Dobbiamo innanzitutto essere in salute, osservare uno stile di vita corretto e giovare di una condizione mentale equilibrata.

Non dobbiamo dimenticare, infatti, che lasciar partire tutto da se stessi e non attendere che le semplici circostanze depongano a nostro favore, è utile non solo per gestirsi ma anche per gestire gli altri. Nell’attività imprenditoriale un grosso ruolo è rivestito dal team, da quanto esso sposi la mission, dal grado di coesione e magari dalla capacità di convertire i conflitti in opportunità.

Vediamo di sintetizzare in dieci punti essenziali personalità e competenze dell’imprenditore, che ha raggiunto ottimi livelli di consapevolezza riguardo al proprio ruolo.

  1. AUTODISCIPLINA
    Se lotti per alzarti dal letto la mattina e ami fare le ore piccole a zonzo beh, lasciatelo dire, ogni tuo sogno di diventare un valido business man è pura velleità. Devi entrare nell’ordine di idee che il lavoro per te non conoscerà orario e che la tua quotidianità sarà molto diversa da quella dell’impiegato. Molti di noi sono abituati a pensare che ultimate le canoniche 8 ore, niente e nessuno può intaccare la nostra libertà. E’ vero e lecito, certo, ma non nel caso della libera iniziativa imprenditoriale, dove nessuno, tranne te, può guidare con padronanza e sacrificio l’impresa che vuoi veder crescere. Ma questo non significa ammazzarsi di lavoro, semmai di compiere le giuste scelte e di ottimizzare il tempo a disposizione.
  2. NETWORKING
    Nel business, in molti casi gli affari viaggiano sull’onda delle “connessioni“, di tutto ciò che sarai capace di costruire in termini di relazioni, partnership e accordi. Nulla di particolarmente costruttivo potrai fare da sola o da solo. E’ evidente che dovrai vincere la difficoltà di gestire i contatti. Le persone con cui dovrai entrare in rapporto lavorativo saranno irraggiungibili, riceverai molti “no”, ma vedrai che con la giusta fiducia e una buona ostinazione, otterrai le strette di mano che contano e in grado di condizionare positivamente la tua vita futura. In seguito sarà tutto semplice e dovrai solo premurarti di preservare tali connessioni.
  3. ENTUSIASMO
    E’ la tua parola d’ordine. E’ molto importante essere carichi e trasmettere energia. Posso banalmente invitarti ad essere una persona entusiasta ma non direi proprio tutto ciò che ti serve. Semmai devi stare attento a compiere le scelte che potranno renderti tale. Segui la tua strada, la tua passione, sentiti artefice di un’idea originale e lavoraci su, questi sono i veri elementi da cui puoi trarre ispirazione a beneficio del tuo stato d’animo. L’assenza di entusiasmo coincide con una situazione scomoda e che non senti pienamente tua.
  4. PUBLIC SPEAKING
    Parlare in pubblico impensierisce e causa ansia. Eppure bisognerà abituarsi a comunicare con sicurezza e a vincere i timori di essere inadeguati. Per i progetti importanti, che diventeranno grandi, dovrai porti in una posizione di leadership che prevede l’esatta trasmissione verbale e paraverbale dei tuoi piani, delle relazioni e delle idee. Puoi leggere alcune utili tecniche per vincere la paura da palcoscenico in questo utile articoloPer rassicurarti ti dirò che non sarai mai sicuro a sufficienza davanti a delle persone, magari sconosciute, verso cui dovrai dirigere il tuo messaggio. Prendi ogni singola occasione come una sfida affascinante a fare del tuo meglio!
  5. TIME MANAGEMENT
    La gestione del tempo è probabilmente la faccenda più antipatica. Non dovrai gestire solo il tuo tempo ma attenerti anche alle scadenze degli altri. Una corretta pianificazione tiene conto di obiettivi realistici e dell’impegno serio a portare a compimento i tuoi compiti, assegnando loro un ordine prioritario. Dovrai essere bravo a prevenire l’accumulo delle cosiddette urgenze e cioè di tutti quei compiti apparentemente banali che però possono accumularsi a danno degli impegni importanti del momento.
  6. CAPACITA’ DI ANALISI
    Un’impresa è soprattutto una questione di numeri. Se non siete bravi in matematica dovete abituarvi a capire almeno le basi della contabilità e del bilancio per assumere le decisioni migliori. Sono importanti anche gli aspetti fiscali, il vostro consulente potrà fornirvi il quadro della situazione in modo regolare e fornirvi le migliori indicazioni per essere in regola.
  7. COMPRENSIONE IT DI BASE
    Il branding e la reputazione di un’impresa e del suo titolare poggiano anche sul sito web aziendale e sulla presenza dell’azienda su uno o più social network. I computer inoltre devono essere protetti e avere una connessione veloce.
  8. LEADERSHIP
    Devi essere disposto a valutare le persone su base giornaliera, a selezionare elementi validi e ad assumere talenti. Devi valorizzare coloro che portano avanti l’azienda, coltivare la cultura dell'”incentivo” per tutti (così rara!) e a sopportare lo stress delle tensioni che inevitabilmente si verificheranno all’interno della tua organizzazione. Spesso sarai chiamato ad esprimere autorevolezza. Gli altri si aspettano molto da te e sarebbe inopportuno attendere che i tuoi collaboratori capiscano sempre e comunque.
  9. ETICA
    Rivedere i propri comportamenti e lo stile di vita in relazione alla sfera familiare, sociale e lavorativa è importante per preservare equilibrio e la giusta serenità per gestire la complessa macchina che si andrà delineando. Un capo vizioso, scorretto e che si muove nell’illegalità causerà inevitabilmente ripercussioni generali a scapito del benessere di tutti. Una condotta poco trasparente e deviata provoca malumore, nervosismo e stati di ansia. Fate un po’ i vostri conti…
  10. BILANCIAMENTO
    Nel momento in cui la vita lavorativa sarà fitta di impegni, dovrai essere bravo a difendere la tua vita privata e di relazioni distinguendola da quella imprenditoriale. Solo un corretto bilanciamento tra le due sfere ti consentirà di essere efficiente per affrontare impegni e problemi quotidiani. Ricorda che vale sempre il concetto: “Lavorare per vivere e non vivere per lavorare”.Se interpreti male il tuo ruolo esistenziale e fai della tua posizione professionale un modo per dimostrare a tutti i costi che vali e che guadagni di più degli altri, metterai in difficoltà te stesso e tutti coloro che ti circondano. Al contrario devi interpretare ciò che sei e quello che fai come una missione per apportare valore al mercato e un vantaggio sociale. 
Share


Giornalista, esperto in comunicazione, formatore HR - fondatore ed editore di yourenterprise.net

Condividi questo articolo

Articoli Recenti

Leave a Reply

© 2017 Mario Massarotti – Blog. All rights reserved. Site Admin · Entries RSS · Comments RSS
Powered by WordPress · Designed by Theme Junkie