7 tecniche per parlare ed esprimersi con una voce perfetta

I segreti del nostro fascino e della qualità della vita risiedono anche nel corretto modo di parlare

I segreti del nostro fascino e della qualità della nostra vita risiedono anche nel corretto modo di parlare

Chi di noi non si è mai posto il problema se possiede una voce gradevole e se non sia il caso di correggere quel fastidioso accento con cui siamo abituati a parlare sin da piccoli oppure utilizzare il timbro in modo più deciso, seducente e interessante? Intanto, esiste il servizio di coaching della voce che vi sarà sicuramente utile allo scopo con un percorso di formazione che vi soddisferà ampiamente perché imparare a parlare con la giusta dizione è anche una questione di allenamento.

Spesso siamo indotti a credere che il tentativo di correggere le nostre imperfezioni vocali risulti a priori sicuramente vano e che certi difetti sono congeniti e quindi impossibili da rimuovere. Falso. Più che sperare ostinatamente nei miracoli occorrerebbe iniziare a lavorare sulla consapevolezza di ciò che esattamente riduce la qualità del nostro modo di parlare.

Occorre fermarsi a riflettere su ciò che occorre migliorare mettendosi in discussione e poi esercitarsi con fiducia per entrare in un’altra dimensione. Ritengo che l’esperienza di maturare una buona dizione sia tra le più interessanti che si possono vivere per almeno 5 ragioni fondamentali:

 

a) La teoria e la pratica sono facili da comprendere ed assimilare;
b) Si costruiscono emozioni nuove sulla base della corretta espressione delle parole;
c) Impariamo a respirare rilassandoci e quindi siamo mentalmente più lucidi e attenti a canalizzare meglio il flusso di pensieri attraverso le parole;
d) E’ un’esperienza divertente, stimolante e apre prospettive ampie;
e) Sapremo distinguerci dagli altri per uno stile nuovo, elegante e di classe.

Insomma, ognuno di noi può trarne un vantaggio personale, soprattutto chi ha il diritto di conseguire risultati nei casi in cui occorre relazionarsi con gli altri: nell’attività commerciale, nell’insegnamento, nel call center, nella comunicazione professionale e pubblica e così via. I campi sono davvero svariati. Quali scelte compiere per migliorarci e diventare persone nuove, scoprendo come utilizzare al meglio una di quelle risorse più potenti che abbiamo a disposizione, la voce? Vediamo di apprendere i primi 7 passi.

1) Abbandonare i vecchi schemi scolastici. Innanzitutto dobbiamo essere coscienti che di consueto applichiamo le strane abitudini che ci hanno insegnato a scuola o che abbiamo appreso dal contesto sociale: leggere senza prestare attenzione alle sfumature di parole e frasi, parlare in modo altrettanto arido con una pronuncia pigra. Se abbandoniamo con vigore vecchie regole imposte o tacitamente condivise, conosceremo il modo per potenziarci in modo formidabile.

LEGGI ANCHE: Difendere i propri interessi sapendo parlare agli altri

2) Respirazione diaframmatica. Una respirazione corretta e produttiva è quella che interessa e sollecita il diaframma. In pratica quando inspiriamo ossigeno spalle e petto devono restare il più possibile fermi, deve gonfiarsi solo la parte della pancia corrispondere al diaframma. Bisogna inalare aria dal naso e tirarla fuori dalla bocca. In seguito ad una esercitazione mirata con questa tecnica scopriremo il beneficio di parlare respirando bene. Raggiungiamo un completo rilassamento, canalizziamo meglio le energie, riusciamo ad avere più fiato per esprimerci e saremo meglio in grado di regolare il volume ed altri parametri per far passare meglio la comunicazione verso gli altri.

3) Vocali aperte e vocali chiuse. Le “e” e le “o” si dividono in “aperte” e “chiuse”. Dovremmo diventare più consapevoli della differenza e di conseguenza scoprire quali parole pronunciamo bene e quali male, compresi gli stessi nomi di persona. Una erronea pronuncia può perfino cambiare il senso del termine che contiene tali vocali.

4) I vocalizzi. Vocalizzare ossia emettere il suono delle vocali “i”, “é”, “è”, “a”, “ò”, “ó”, “u” è un esercizio molto importante, atto a potenziare la voce, ad idratare le corde vocali e a ricercare i suoni della propria voce naturale.

5) Parlare articolando bene. Occorrerebbe abituarsi a parlare coinvolgendo tutti i muscoli fonatori. In pratica bisogna muovere la bocca in modo ampio e il movimento non deve essere solo delle labbra ma anche della lingua e del palato, in modo tale che sia vocali sia consonanti escano fuori con forza e nitidezza. Una prova dell’efficacia dell’articolazione sta nel parlare come se fossimo muti e chi ci guarda riesce a comprendere le parole che intendiamo comunicargli.

6) Parlare senza accento o inflessione dialettale. I passi decisivi su cui esercitarsi sono:

  • articolare con energia ciascuna sillaba;
  • non raddoppiare le “b”;
  • pronunciare le finali di ogni parola;
  • pronunciare le “s” che spesso diventano “z”;
  • non allungare le vocali;
  • pronunciare chiuse le “o” e le “e” non accentate;
  • le vocali devono avere tutte lo stesso volume.

7) Variare volume, tono e ritmo nelle frasi. Un discorso diventa davvero magnetico per chi ci ascolta e per un uditorio se oltre ad applicare le regole esposte e ad adottare un buon stile della comunicazione, diventiamo bravi anche ad assegnare alle frasi una coloritura variopinta dipendentemente dalla velocità delle frasi, dal tono che non deve superare mai certi limiti per evitare che risultiamo fastidiosi e antipatici. La regolazione del ritmo risulta molto accattivante tra una frase ed un’altra, specie quando è nostra intenzione catturare l’attenzione delle persone.

Scarica l’ebook gratis per migliorare la tua voce! Oppure inviami un messaggio riempiendo il modulo dell’area “contatti”.

Buona dizione!

Share


Giornalista, esperto in comunicazione, formatore HR - fondatore ed editore di yourenterprise.net

Condividi questo articolo

Articoli Recenti

Leave a Reply

© 2017 Mario Massarotti – Blog. All rights reserved. Site Admin · Entries RSS · Comments RSS
Powered by WordPress · Designed by Theme Junkie